Vai ai contenuti

...Quando uno strumento in disuso
... si traforma in un oggetto decorativo e di tendenza

 

   

.
 


 

       "Nulla si crea  e nulla si distrugge ma tutto si trasforma….’ Antoine De Lavoisier
       E’ lo slogan del marchio ‘Byludo che propone  ecotech bijou  e oggetti decorativi con piccoli pezzi tecnologici in disuso (auricolari, mouse, spinotti ecc).
      ‘Mi piacciono le sfide - dice Ludovica Cirillo  giovane designer e titolare di  by LUDO marchio di ecotech bijou  (www.byludo.com )- in cui si mette in gioco la propria creatività con il concetto del riuso,oggi molto importante se si vogliono evitare sprechi consumistici e contribuire a salvare il nostro pianeta dai rifiuti‘…La sua ditta individuale  vuole dare nuova vita ad oggetti destinati alla rottamazione ed creandone decorativi, artistici e di tendenza,           
       Con questo obiettivo   Ludovica  ( una  dei 200 talenti italiani  scelti  dal TNT, il Festival dedicato ai giovani,del Ministero della Gioventù nel 2010),  nel frattempo frequenta architettura alla London Metropolitan University di Londra . Cosi giovane e con un percorso già preciso apprezzato dal Maxxi che l’ha ospitata nel 2012 come protagonista di un incontro con il pubblico nell’ambito di Youth Architect Project organizzato con il Moma di New York.
        Nello stesso anno  ad Ecomondo – Rimini Fiera – il Museo del Riciclo (di cui fa parte Ludovica )di Eco light( consorzio nazionale per la gestione di rifiuti da apparecchiature elettroniche ed elettriche) nel suo stand ha messo in mostra alcune sue opere . Anche la municipalizzata della capitale Ama ha voluto accogliere le collezioni ‘byLUDO’ al centro Elsa Morante per  l'iniziativa "Art'Eco, l'arte del RiUso",
        " Il concetto  del riuso lo  vorrei poter coltivare - dice la giovane  Ludovica - nella sperimentazione di  nuovi materiali tratti da quelli  destinati alla discarica  anche nel mio futuro professionale come architetto o interior designer ’. Intanto il neonato  brand   ‘byLUDO’, con sede a Roma ,ha già alle spalle un percorso di tutto rispetto  :alcune sue creazioni  sono vendute dal negozio e dal sito di  ‘LuisaviaRoma’ realtà ambita da modaioli e stilisti e da Design Image di Seul che ospita oggetti tutti ‘made in Italy’ ;sin dai primi passi della designer le sue creazioni sono  presenti  da Re-f-use di Ilaria Venturini Fendi nel cuore della capitale in Via Fontanella  Borghese   . I suoi ‘ ecobijou’ sono  apprezzati da un pubblico europeo come  da quello  orientale
       Se a maggio 2013 riceve uno dei Young Talent Award nel 2012 uno dei suoi bijou ‘ crazy type’
è stato scelto e esposto per il Concorso ‘Bijoux d’autore’ ,  al Museo di  Casalmaggiore ,unico del genere in Italia nonché al Mi.Bi a Barcellona e al Museo d’Arti Decorative di Roma . Nel 2011  nella capitale ha partecipato alla prima rassegna di ‘ Econozze’ all’insegna dello chic e del riuso con una sua tavola ecochic conciliando tradizione e innovazione ;ha esposto le sue creazioni  ad  A.I Artisanal Intelligence , prima edizione della mostra sull’artigianato d’autore  di Altaroma  al Palazzo dei Congressi ( luglio 2011 ) nonché  è stata una dei protagonisti di Vogue fashion’s night out  ( settembre 2011) insieme a New Generation alla Ulisse Gallery  con una sua sfilata virtuale ….        
       
Dall’oggetto al packaging  la filosofia del riuso è un filo rosso che ispira lo scopo di ‘byLUDO’ all’insegna della salvaguardia dell’ambiente e del pianeta
       Filosofia  che ,appena sedicenne, la giovane designer  ha espresso  nella sua prima personale a Il Margutta Ristorarte  a Roma riscuotendo consensi di  critica ,pubblico oltre che di personaggi dello spettacolo e  maestri di moda (Renzo Arbore, Roberto Capucci , sorelle Fendi , Fausto Sarli) . Sue creazioni hanno suscitato e suscitano l’attenzione anche di radiotelevisioni nazionali ( Tg1 , Rai International, la 7, Telecamere Rai, Tgr Lazio)  di riviste straniere e di tendenza (Vogue.it , Rundschau, Glamour, Cosmopolitan…. ), di  numerosi quotidiani nazionali (Il Messaggero, La Repubblica, Il Tempo,Il Giornale ) giornali web e blogger.
        
La sua fantasia spazia , sconfina nell’arte con una sua installazione nel Natale 2011,  esposta a Il Margutta Ristorarte e realizzata   con l’artista futurista Graziano Cecchini …e con il quale ha collaborato  per   ‘Le  tre grazie’ omaggio all’haute couture  ospitato al First Luxury Hotel tra gli eventi collaterali di Altaroma ,luglio 2012 .coinvolgendo le più importanti maison storiche d’alta moda ; poi ,per qualche mese ,l’opera  è stata esposta all’Accademia di Moda e Costume e a luglio  2013 è autrice de l’installazione ‘Fuori rete’realizzata con pezzi di manichini per la mostra Mànneken’, inserita tra gli eventi di Alta Roma.
      Tra le prime estimatrici di Ludovica Cirillo Alda Fendi una delle sue clienti piu’ affezionate e Ilaria Venturini Fendi . Anche la rock star Paolo Nutini ha voluto tra l’altro i suoi gemelli dopo aver notato i suoi bijoux. Uno dei quali l’indossa anche l’oscar Melissa Leo e in Italia le artiste  Octavia Fusco, Maria Rosaria Omaggio in alcuni spettacoli ,e la conduttrice Metis di Meo per la trasmissione tv  ‘Social king’ hanno scelto sue creazioni.
     Interessante la sua collaborazione con Patrizia Pieroni ,stilista romana che ,in occasione dall’inaugurazione della sua boutique a Parigi, ha chiesto a Ludovica di interpretare ‘alla sua maniera’ il tema di ‘Vacanze romane’ tanto amato dai parigini. E ne è  nata una originale mini collezione.

     Tra le altre scommesse  di Ludovica anche l’albero di Natale realizzato per ‘ I cento alberi d’autore’ edizione 2010 , manifestazione benefica  di Sergio Valente .e per ‘ Emergenza origami’ (2011) ha realizzato una piccola opera d’arte venduta a favore dei bimbi giapponesi colpiti dal terremoto .
      Insomma una sfida dopo l’altra…all’insegna della creatività al servizio dell’ecologia e del riuso ricordandoci che ‘ nulla si crea  e nulla si distrugge ma tutto si trasforma’….


         ‘

 
Torna ai contenuti